"L'obiettivo dovrebbe essere quello di

cercare la salute, chiunque può trovare la malattia"

A. Still

c33af345-0198-47b0-b77b-61ea98909fd5.jpg

CHI SONO

Chiara Palmieri ,

laureata in scienze infermieristiche nel 2008, scelgo la professione di infermiera a 19 anni, grazie a un viaggio di volontariato in Kenia.

Dal 2009 lavoro presso l'Ospedale Maggiore della Carità di Novara , prestando servizio per lo più in reparti di Emergenza  e Terapia Intensiva. 

Nel 2013 conseguo il Master biennale di "Medicina d'Urgenza e Area Critica" per infermieri con il massimo dei voti, a seguito del quale inizio a lavorare in Terapia Intensiva Neonatale.

L'esperienza lavorativa in TIN mi appassiona moltissimo e proprio lì vengo a conoscenza dell'Osteopatia

In quegli anni, attraverso l'esperienza diretta della malattia di un familiare, inizio a mettere in discussione le mie convinzioni sulla malattia, sulla guarigione e la mia visione del prendermi cura del paziente cambia radicalmente. 

Nel 2017 decido di iscrivermi a Osteopatia, riconoscendo i suoi principi in linea con il mio nuovo modo di vedere le cose.

Sono appassionata di meditazione e in particolare modo pratico la MINDFULNESS.

CIO' IN CUI CREDO

Sono figlia di medici, mamma pediatra e padre chirurgo.

Ho imparato da mio padre la dedizione allo studio e al lavoro  e da mia madre l'amore per i bambini associata al supporto dei genitori, ma ho sempre sentito e creduto che ci fosse di più.

Di questo "di più" sono andata sempre alla ricerca; spesso cadendo, sbagliando strada, facendo errori di valutazione, ma rialzandomi ogni volta e rimettendomi a cercare.

Ogni esperienza lavorativa che ho fatto mi ha permesso di comprendere un pezzetto in più del puzzle che stavo cercando di comporre.

Poi un giorno mi sono trovata a contatto con la malattia da un altro punto di vista. 

Accompagnando una persona a me molto cara in quello che è stato il suo ultimo periodo di questa vita, mi sono trovata a osservare lei e gli altri malati e ho iniziato a farmi domande che, allora non pensavo mi avrebbero cambiato la vita.

Come mai i malati venivano considerati solo come la loro malattia o come la parte del loro corpo che era malata?

Dove era finito tutto ciò che in loro funzionava? Perché nessuno parlava loro di questo e non potenziava queste parti? Perché non venivano considerati come esseri "interi"? 

Iniziando a rispondere a queste domande ho iniziato a vedere le cose con occhi diversi e a capire che la medicina tradizionale è sì fondamentale, ma il corpo è unico, interdipendente, interconnesso e non solo una parte anatomica.

Esso è il mezzo attraverso cui una persona vive e si esprime e prendersi cura di esso significa farlo a 360°, ricordandoci che ogni persona racchiude un infinito potenziale ed è a questo che bisogna rivolgersi nel processo di cura e di guarigione.

Credo in questo e credo di essere solo all'inizio di un meraviglioso percorso.

IMG_3687.jpeg