OSTRUZIONE DA CORPO ESTRANEO NEI BAMBINI


COS’E’?


L’ostruzione da corpo estraneo è un evento pericoloso, potenzialmente letale. Esso costituisce una delle principali cause di morte nei bambini di età inferiore ai 3 anni, ma la quota di incidenti rimane elevata fino ai 14 anni di età. Viene stimato che, in Europa, ogni anno, 500 bambini muoiano soffocati.

Per ostruzione da corpo estraneo s'intende l’ostruzione delle vie aeree da parte di un corpo estraneo (cibo o oggetti) che ne riduce il calibro o nei casi più gravi va ad ostruire completamente andando a limitare oppure bloccare completamente lo scambio di aria tra ambiente esterno e polmoni.


Anatomia del primo tratto delle vie aeree e digestive

Come potete vedere dall’immagine le prime vie respiratorie e digerenti sono comuni, si differenziano in trachea e esofago nell'ultimo tratto della faringe.

Il bolo di cibo entra nella bocca e prosegue nell’esofago fino allo stomaco. Per evitare che si incanali nella trachea, una piccola “valvola” chiamata epiglottide durante la deglutizione si abbassa impedendo al bolo di cibo che sta per passare di di finire nelle vie aeree.


Le statistiche però ci dicono che circa il 60-80% delle ostruzioni è causato dal cibo, solo il 20-40% di esse è causato da altro. In questo articolo rivolgerò la mia attenzione principalmente al cibo, ma è bene non dimenticarsi di tutti gli oggetti di piccole dimensioni che possono essere ingeriti e si possono incanalare erroneamente nelle vie aeree.




PERCHE’ L'OSTRUZIONE DA CORPO ESTRANEO E’ UN PROBLEMA PIU’ FREQUENTE NEI BAMBINI?


L’elevato numero di episodi soffocamento nei bambini fino ai 4 anni di età è dovuto a diversi fattori:


  • Caratteristiche anatomiche e fisiologiche: le vie aeree sono più piccole rispetto a quelle dell’adulto ed inoltre sono a forma si cono rovesciato fino alla pubertà. La restrizione del lume delle vie aeree nella sua parte inferiore ( come in figura) in caso il bolo di cibo finisca erronamente nelle vie aeree fa si che nei bambini il rischio di soffocamento sia ancora più elevato.



  • Scarsa coordinazione tra masticazione e deglutizione dei cibi solidi: Mentre la capacità di deglutire i liquidi è innata, la coordinazione tra masticazione e deglutizione è un’abilità che si sviluppa nel tempo.

  • La dentizione è incompleta: i molari che sono necessari per sminuzzare il cibo e renderlo un bolo alimentare liscio crescono intorno ai 30 mesi.

  • Multitasking: I bambini tendono a fare più attività contemporaneamente ( mangiano mentre corrono, ridono o parlano mentre mangiano)

  • Esplorano il mondo attraverso mani e bocca: a livello cerebrale le aeree della corteccia relative alle informazioni che arrivano dalla mano e dalla bocca sono molto più estese di quelle di altre zone del corpo. I bambini esplorano gli oggetti e il mondo attraverso il tatto e portandoli alla bocca, da qui un aumentato rischio di ingestione.


Per evitare che questa complicanza grave possa accadere è bene prestare molta attenzione alla PREVENZIONE. Di essa fa parte il grande capitolo dell'avvio dell'alimentazione complementare e della preparazioni di "cibi sicuri" .(Ne parlerò in un articolo a parte, visto l'importanza che riveste per questo argomento)



TUTTE LE OSTRUZIONI SONO GRAVI?


Di per sè si! Sono un evento acuto e grave che necessita di massima attenzione e azioni mirate.

Esistono però due tipi di ostruzione:


OSTRUZIONE PARZIALE

E' nella sua gravità l'evento più auspicabile che ci possa capitare. E' un tipo di ostruzione in cui il corpo estraneo si è posizionato in modo tale da garantireun minimo passaggio di aria.

Un bambino con un’ostruzione parziale è un bambino che riesce a parlare, piangere e tossire.

Il pianto e la parola sono un ottimo segno, ci indicano che sta passando dell'aria. La tosse invece è un meccanismo di difesa volto proteggere le vie aeree, è data da un’aumento della pressione intratoracica seguita da una forte e violenta emissione e in questo è importantissima: il suo scopo è di liberare le vie aeree dal corpo estraneo!


Cosa fare in questo caso?


  • Incoraggiare a tossire

  • Non mettere in atto nessuna manovra per tentare di rimuovere il corpo estraneo ( MAI METTERE LE MANI IN BOCCA potreste peggiorare la situazione!)

  • Portare il bambino in ospedale o richiedere l’intervento di un’ambulanza.

OSTRUZIONE COMPLETA

E' un’ostruzione grave, che se non risolta porta alla morte. Avviene quando un corpo estraneo ostruisce completamente le vie aeree e non vi è passaggio di aria.


E’ caratterizzata da: assenza di tosse, assenza di pianto, rapida colorazione bluastra delle mucose e del volto.


In questo caso è fondamentale mettere tempestivamente in atto le manovre di disostruzione e allertare immediatamente il NUE 112 (o 118).

Il fattore tempo è fondamentale e in nessun modo vanno ritardare le manovre corrette.


Nel caso non conosciate le manovre corrette il supporto più importante arriva dalla chiamata di emergenza. L'infermiere o l'operatore sanitario dall'altro lato del telefono, sono in grado di guidarvi passo passo telefonicamente ad eseguire le manovre di disostruzione (puoi approfondire come gestire la chiamata d'emergenza qui). Recenti studi (2019) hanno evidenziato come il seguire le indicazioni telefoniche di personale esperto abbia migliorato la sopravvivenza di bambini vittime di arresto cardiaco.


E' fortemente raccomandato quando si hanno dei figli o si è a contatto con bambini effettuare dei corsi di primo soccorso e conoscere le Manovre di Disostruzione da attuare in modo da agire tempestivamente su questa problematica. Esse vanno apprese in corsi teorico pratici specifici effettuati da personale sanitario esperto; seppur indicativi non è sufficiente vedere video su canali internet, ma è importante partecipare a un corso e avvalersi dell'aiuto telefonico del personale sanitario.






  • "Linee di indirizzo per la prevenzione del soffocamento da cibo in età pediatrica" Ministero della salute, 2017

  • www.susysafe.org

  • AHA Guidelines 2015 CPR

  • American Heart Association Focused Update on Pediatric Basic Life Support: An Update to the American Heart Association Guidelines for Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care, 2019


72 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti